Home » Colori & Abbinamenti » Colore Indaco: Gradazioni, Abbinamenti e Idee di Arredamento

Colore Indaco: Gradazioni, Abbinamenti e Idee di Arredamento

111

Classificato da Newton come sesto colore dell’arcobaleno, l’indaco si presenta come una tonalità non facilmente descrivibile, una particolare sfumatura tra l’azzurro ed il viola capace di rilassare i sensi.

Chiamato anche indigo, il colore indaco ha origini antichissime e, per comprendere a fondo la vera sua essenza e le molteplici possibilità di utilizzo, andremo ad analizzarne i vari aspetti a partire dal suo significato, fino ad svelarvi le varie gradazioni, comprese quelle proposte da Pantone, nonché i migliori abbinamenti cromatici tramite una selezione di palette. Attraverso l’ausilio di immagini e pratici suggerimenti vi sveleremo inoltre tantissime idee di arredamento con il colore indaco perfette per qualsiasi stile ed ambiente sia della casa che dell’ufficio.

Indice

Storia e significato del colore indaco

Pianta indigofera tinctoria dalla quale si ricava il colore indaco

Colorante naturale noto in Asia già 4000 anni fa, l’indaco era molto apprezzato anche dagli antichi romani nonché dagli egizi, i persiani e i mesopotami. Questo particolarissimo colore, che sembra collocarsi a metà strada tra le suggestive sfumature del blu e del viola, viene estratto dalle foglie di una pianta leguminosa che cresce in India, la indigofera tinctoria. Macerate e fermentate in acqua, le foglie vengono poi mescolate con una base (ad esempio la soda) e, a contatto con l’ossigeno, la sostanza ottenuta assume il perfetto colore indaco. Probabilmente il nome della tonalità deriva proprio da quello della sua zona di provenienza.

Apprezzatissimo nelle pratiche di meditazione, il colore indaco viene associato al sesto chakra e detiene grandi proprietà rilassanti. Quella regalata da questa tonalità è un’esperienza capace di coinvolgere diversi sensi tramite un effetto modulante del sistema nervoso. È quindi adatto alla creazione di ambienti dove regna l’armonia, la calma e la serenità nei rapporti.

Colore indaco

Codici colore indaco

Nello spettro luminoso l’indaco si colloca tra l’azzurro ed il viola e può essere ottenuto mescolando in parti uguali il ciano e il magenta. Il risultato è una sfumatura praticamente unica che ha la particolarità di essere anche il penultimo dei colori dello spettro che l’occhio umano è in grado di vedere. In particolare nella scala RGB (75; 0; 130) si compone per il 29.41% di rosso, lo 0% di verde ed il 50.98% di blu.

Gradazioni di indaco

Variazioni cromatiche del colore indaco

Scopriamo adesso le diverse gradazioni di indaco per osservare come questo colore spazi tra molteplici sfumature dalle caratteristiche ben definite. In particolare vogliamo concentrarci sulle variazioni che intercorrono tra l’indaco, l’indaco scuro e l’indaco schiarito osservabili nell’immagine in alto.

Colore indaco Pantone

Gradazioni del colore indaco Pantone

Tanto la moda quanto l’interior design guardano a Pantone nella scelta di colori e palette, l’azienda offre in particolare la propria interpretazione in codice dei colori e, nel caso dell’indaco, propone oltre alla tonalità originale di partenza, Indigo appunto, tre ulteriori gradazioni ossia Indigo Bunting, Blue Indigo e Mood Indigo.

Abbinamenti e palette con il colore indaco

Dopo una esaustiva panoramica sul colore indaco possiamo adesso andare a scoprire quali sono gli abbinamenti che meglio mettono in risalto questa tonalità armonizzandola con le altre. Proseguendo vi mostreremo sei diversi schemi di palette indaco che spaziano dall’utilizzo di diverse gradazioni fino all’accostamento con variazioni che presentano una media correlazione con il colore protagonista, ad esempio il verde, il rame, per poi passare al rosa o al grigio.

Palette colore indaco 1

Palette colore indaco 2

Palette colore indaco 3

Palette colore indaco 4

Palette colore indaco 5

Palette colore indaco 6

Pareti colore indaco

Viste le sue proprietà rilassanti ed avvolgenti l’indaco è perfetto da utilizzare per decorare le pareti di casa. Estremamente versatile, questo colore si combina con facilità a qualsiasi stile di arredo spaziando dal moderno al classico fino allo shabby chic o all’industrial. Se state pensando di dipingere le pareti color indaco dovrete comunque tenere presente l’elevata saturazione della tonalità che potrebbe andare a rimpicciolire o oscurare un ambiente, soluzione a questo problema potrebbe naturalmente essere l’abbinamento con altri colori, primo fra tutti il bianco, e l’attento studio di un sistema di illuminazione sia naturale che artificiale.

Idee per dipingere le pareti con il calore indaco 1

Idee per dipingere le pareti con il calore indaco 2

Idee per dipingere le pareti con il calore indaco 3

Arredi colore indaco

Se siete alla ricerca di un’eleganza sofisticata ma al tempo stesso accogliente, degli arredi colore indaco potrebbero fare al caso vostro. Questa tonalità è infatti perfetta per donare un tocco di carattere a qualsiasi ambiente della casa: potrete scegliere un divano indaco da abbinare magari  poltrone e tavolini, utilizzarlo come colore per la cucina, per l’armadio e persino per il bagno sia per quanto riguarda i rivestimenti che gli arredi. Ecco qualche suggerimento fotografico…

Idee per arredi colore indaco 1

Idee per arredi colore indaco 2

Idee per arredi colore indaco 3

Idee per arredi colore indaco 4

Idee per arredi colore indaco 5

Idee per arredi colore indaco 6

Complementi e accessori indaco

Tra i complementi e gli accessori colore indaco più gettonati del momento vi sono sicuramente quadri dalle calde sfumature, rivestimenti per cuscini e divani nonché tappeti e lenzuola per trasformare la zona letto in un luogo rilassante ed avvolgente. Se desiderate mettere in risalto l’indaco abbinatelo al bianco e lasciatevi pure conquistare dal suo incontro con il legno naturale.

Idee per accessori colore indaco 1

Idee per accessori colore indaco 2

Idee per accessori colore indaco 3

Autore

Michela

“Ogni grande architetto è necessariamente un grande poeta. Deve essere un grande interprete originale del suo tempo, dei suoi giorni, della sua età.” Frank Lloyd Wright